log in

Vivi la Parola


Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically in /home/istitutobiblicobereano/public_html/templates/gk_game/lib/framework/helper.layout.php on line 199

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically in /home/istitutobiblicobereano/public_html/libraries/cms/application/site.php on line 272

Costante cura, costante lode

Costante cura, costante lode Foto © Andrés Nieto Porras

Salmo 71


In te confido, o SIGNORE, fa' che io non sia mai confuso.
Per la tua giustizia, liberami, mettimi al sicuro!
Porgi a me il tuo orecchio, e salvami!
Sii per me una rocca in cui trovo scampo,
una fortezza dove io possa sempre rifugiarmi!
Tu hai dato ordine di salvarmi,
perché sei il mio baluardo e la mia fortezza. (vv. 1-3)

Lo scrittore del salmo si accosta con umiltà al Signore, il suo rifugio e soccorritore. Dipendere da Dio non è una novità per lui: è uno stile di vita. Si rivolge di continuo al Signore, pieno di fiducia, perché Egli ha promesso di salvarlo.

Mio Dio, liberami dalla mano dell'empio,
dalla mano del perverso e del violento!
Poiché tu sei la mia speranza,
Signore, Dio;
sei la mia fiducia sin dalla mia infanzia.
Tu sei stato il mio sostegno fin dal grembo materno,
tu m'hai tratto dal grembo di mia madre;
a te va sempre la mia lode. (vv. 4-6)

Per tutta la vita, il salmista ha dovuto affrontare delle avversità. Uomini ingiusti e crudeli lo circondano da sempre, ma la sua fiducia, fin dalla sua giovinezza, si basa sulla potenza del Signore. È consapevole del fatto che Dio è presente nella sua vita sin dal suo concepimento.

Che pensiero straordinario: Dio è il nostro protettore e si cura di noi addirittura da prima che fossimo nati! Questa verità meravigliosa è una sicurezza solida per tutti i genitori in attesa di un bambino: non ci sono errori, non c’è nascita che non faccia parte del piano perfetto di Dio. E mentre i figli crescono, attraverso le peripezie della vita, Dio è e continua ad essere coinvolto nella loro vita supervisionando la loro cura.

Quando penso alle famiglie sfasciate e le situazioni difficili e complicate in cui si trovano, è rassicurante sapere che Dio ha ogni cosa sotto controllo. Tutti noi conosciamo situazioni che ci spezzano il cuore, di bambini abbandonati dai loro genitori, o di figli che amiamo succubi di influenze sbagliate con effetti devastanti su di loro. È confortante sapere che, mentre preghiamo per i nostri cari, Dio è già coinvolto nelle loro vite e continuerà ad esserlo.

Io sono per molti come un prodigio:
tu sei il mio rifugio sicuro.
Sia la mia bocca piena della tua lode,
ed esalti ogni giorno la tua gloria!
Non respingermi nel tempo della vecchiaia,
non abbandonarmi quando le mie forze declinano.
Perché i miei nemici sparlano di me,
e quelli che spiano l'anima mia tramano insieme,
dicendo: «Dio l'ha abbandonato;
inseguitelo e prendetelo, perché non c'è nessuno che lo liberi». (vv. 7-11)

Lo scrittore continua a riflettere sulla sua vita e si rende conto che le sue forze s’indeboliscono con l’età e che avrà sempre più bisogno di aiuto. Sa che per alcuni le sue difficoltà sono un segno che Dio lo abbia abbandonato, ma sa anche che altri sono incoraggiati dal suo continuo rifugiarsi in Dio.

O Dio, non allontanarti da me;
mio Dio, affrèttati a soccorrermi!
Siano confusi, siano annientati gli avversari dell'anima mia,
siano coperti di vergogna e disonore quelli che desiderano il mio male!
Ma io spererò sempre,
e a tutte le tue lodi ne aggiungerò altre.
La mia bocca racconterà ogni giorno la tua giustizia e le tue liberazioni,
perché sono innumerevoli.
Proclamerò i prodigi di Dio, il SIGNORE,
ricercherò la tua giustizia, la tua soltanto. (vv. 12-16)

Il salmista non cesserà di sperare nel Signore né di testimoniare ad alta voce della cura che Egli ha di lui. Si rende conto di non riuscire a ricordare gli innumerevoli interventi di Dio nel corso della sua vita; sa solo che ha ricevuto abbastanza benedizioni da riempire la sua bocca di lodi tutto il giorno.

È bellissimo sentire persone anziane esprimere continue lodi per il loro Dio. E quanto è confortante sapere che Egli continuerà a curare i nostri cari anche quando si invecchieranno!

Dio ha ispirato questo salmo per farci comprendere che la speranza che abbiamo in Lui copre l’intera nostra esistenza dalla nascita fino alla tomba. Il suo amore e la sua cura sono meravigliosi. Le nostre bocche dovrebbero essere piene di sue lodi. Le nostre parole dovrebbero dirigere quelli intorno a noi a vedere quest’amore protettivo del nostro Dio.

Oggi, mentre pregherai per i bisogni dei tuoi amici e conoscenti, gioisci anche della cura di Dio per loro.