log in

Leggiamo la Bibbia - Secondo anno


Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically in /home/istitutobiblicobereano/public_html/templates/gk_game/lib/framework/helper.layout.php on line 199

Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically in /home/istitutobiblicobereano/public_html/libraries/cms/application/site.php on line 272

Giugno [anno 2]

Consigli utili per raccogliere frutto dalla lettura della Bibbia

Per trarre il maggiore profitto dall’uso di queste note:

  1. Fissa un periodo di 15-30 minuti giornalieri per la meditazione e la preghiera.
  2. Chiedi a Dio di aiutarti a capire il testo prima che leggerai.
  3. Leggi attentamente due volte il passo assegnato prima di occuparti delle domande.
  4. Usa le domande non come quiz, ma come spunti per la meditazione e per applicare ciò che hai letto alla tua vita in ogni particolare.
  5. Scrivi su un quaderno, con la data, il pensiero che Dio ti ha particolarmente suggerito come applicabile alla tua vita.
  6. Finito il tempo della meditazione, passa del tempo in preghiera, particolar­mente per i soggetti che Dio ti ha suggeriti du­rante la meditazione.
  7. Se, per qualunque motivo, non hai letto regolarmente, leggi i passi dei giorni saltati, ma medita soltanto sul passo del giorno in cui ricominci. Così non perderai il ritmo dello studio.

Giugno 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30

1 giugno

LIBRO DEGLI ATTI

L’autore del Vangelo di Luca scrive la storia degli atti dello Spirito Santo nella chiesa primitiva.

Atti 1:1-14

Che cosa dicono questi versetti sul Padre, sul Figlio e sullo Spirito Santo?
Che cosa rivelò Gesù ai discepoli riguardo al loro compito futuro (vv. 3b-8)?
Quale verità fondamentale è affermata nel v. 11?
In che modo i discepoli occupavano il loro tempo mentre erano in attesa (v. 14)? Lo faccio anch’io?

2 giugno

Atti 1:15-26

Che cosa mi insegna il triste accenno del v. 17? Perché i discepoli sentirono il bisogno di scegliere un altro “testimone” (vv. 21,23) per prendere il posto di Giuda? Vedo una ragione oltre a quella suggerita dal v. 20? Quali erano i prerequisiti precisi per poter svolgere il ministero apostolico (vv. 21,22,24)?

3 giugno

Atti 2:1-13

Quali tre segni della venuta dello Spirito furono dati (vv. 2-4,6,8,11)? Furono l’adempimento della promessa del capitolo 1. In quali lingue parlarono quelli che furono riempiti di Spirito Santo (vv. 9-11)? Perché lo hanno fatto (v. 11)?
Quale fu la reazione dei discepoli, e della folla (vv. 12,13)? Come avrei reagito io se fossi stato presente?

4 giugno

Atti 2:14-36

Quali punti fondamentali della buona novella sono preannunciati nell’Antico Testamento (vv. 21,27,34,35)? Pietro conosceva bene l’Antico Testamento e poteva citare versetti precisi e appropriati. Lo faccio anch’io nel parlare della mia fede agli altri?
Che cosa afferma il v. 23 su Dio e sugli uomini riguardo alla morte di Gesù?
Qual è il punto centrale del discorso di Pietro (vv. 36)?
La franchezza di Pietro mi incoraggia nella mia testimonianza? Da che cosa derivava questo nuovo coraggio?

5 giugno

Atti 2:37-47

In che modo si manifestava il dono dello Spirito Santo, ricevuto dai primi convertiti secondo la promessa del v. 38 (vv. 42-47)? Queste abitudini e azioni si notano nella mia chiesa? In me?
L’ultima frase del v. 47 svela quale azione di Dio? Sono consapevole dell’opera che svolge in me?

6 giugno

Atti 3:1-16

Un miracolo ha fatto correre da Pietro e Giovanni tutta la città. Ma Pietro a chi dà tutta la gloria (vv. 12,16)?
Pietro non perde l’occasione per denunciare la colpa degli uomini. Quali quattro peccati avevano commesso (vv. 13-15)? Con quali appellativi Pietro chiama Gesù?

7 giugno

Atti 3:17-26

Senza timore Pietro annuncia ai Giudei che Gesù, da loro ucciso, è il Messia (vv. 19-21), il Servo (v. 26, cfr. Isaia 52:13). Pietro si rivolge ai Giudei, ma le sue parole sono valide anche per me che non sono ebreo?
Qual è lo scopo finale del piano di Dio (vv. 19,20,26)? Come può essere raggiunto (vv. 19,26)?

8 giugno

Atti 4:1-12

La persecuzione comincia, come Cristo aveva predetto. I capi religiosi erano indignati contro Pietro e Giovanni per quale motivo (v. 2)? Sono riusciti a ostacolare l’opera di Dio (v. 4)?

La risposta di Pietro (vv. 8-12) non lascia spazio al dubbio:
- Un uomo infermo, conosciuto da tutti è stato guarito come?
- Che cosa avevano fatto i capi del popolo?
- Che cosa ha fatto Dio?
- Di conseguenza, in che posizione si trovavano i capi del popolo davanti a Dio?

Come ha potuto Pietro pronunciare delle parole tanto impopolari e pericolose (v. 8)? Bisogna ricordare che i Sadducei non credevano alla risurrezione dei morti.

9 giugno

Atti 4:13-22

In che modi il comportamento dei capi sfigura davanti a quello di Pietro e Giovanni?
Quale principio è enunciato nei vv. 19,20? La paura mi fa tacere qualche volta?
I capi temevano che cosa (v. 21)? Pietro e Giovanni, invece, temevano chi? Che cosa vuol dire avere un santo timore di Dio? Si vede nella mia vita?

10 giugno

Atti 4:23-31

Invece di pregare per chiedere pace e protezione, i credenti chiesero che cosa (v. 29)?
In questa preghiera i credenti riconoscono che:
- Dio ha fatto che cosa (v. 24)?
- Dio aveva predetto che cosa (vv. 25,26)?
- Erode e Pilato hanno fatto che cosa (v. 28)?
- Perciò, Dio è capace di fare che cosa (vv. 29,30)?

Qual è il sostantivo che si ripete nei vv. 25,27,29 e 30? Mi reputo tale?
In una situazione difficile, la mia preghiera assomiglia a questa?

11 giugno

Atti 4:32 - 5:16

Quali principi di vera fratellanza fra credenti sono espressi in 4:32-37?
Che cosa posso imparare dal comportamento di Barnaba (in contrasto con l’ipocrisia di Anania e Saffira)? Perché fu tanto grave il peccato di questi ultimi (5:9)?
In che modo i vv. 3 e 4 dimostrano che lo Spirito Santo è Dio?
I versetti 12-16 descrivono almeno 8 risultati straordinari del ministero degli apostoli. Quali sono? Fanne una lista.

12 giugno

Atti 5:17-32

In che modo l’angelo (vv. 19,20) e lo Spirito Santo (v. 32) aiutarono gli apostoli a testimoniare nonostante la diffida di 4:17-21?

Il sommo sacerdote e la setta dei sadducei erano:
- pieni di che cosa (v. 17)?
- e rimasero come (v. 24)?
- ma avevano capito bene che cosa (v. 28b)?

I sacerdoti avevano il compito di offrire sacrifici per i peccati. Le parole di Pietro nei vv. 29-32 denunciano l’inefficacia dei loro sacrifici per quale motivo (v. 31b)? Inoltre, il v. 32 afferma che loro non potevano avere che cosa, perché non facevano che cosa?
Gli apostoli riaffermano il diritto di ubbidire a Dio anziché agli uomini, ma in quali circostanze?

13 giugno

Atti 5:33-42

Cosa è successo dei seguaci di Teuda (v. 36) e Giuda (v. 37)? A volte i credenti ricevono aiuto da non credenti (vedi l’esempio di Gamaliele).
I capi religiosi furono convinti da Gamaliele solo a metà: hanno desistito dall’uccidere gli apostoli, ma non hanno fatto che cosa (vv. 38,40)?
Ho paura di soffrire per la mia testimonianza o lo considererei un onore (v. 41)?

14 giugno

Atti 6:1-15

I dodici non si limitano a rimproverare agli Ellenisti e agli Ebrei le loro contese (v. 1), ma attuano quali provvedimenti pratici (vv. 2,3)?
Come dovevano essere i diaconi (v. 3)? Quali caratteristiche distinguono Stefano (vv. 5,8)? La tattica dei suoi nemici è riuscita (vv. 11,13)? L’accusa del versetto 14 era vera?
Lo Spirito Santo in me mi proteggerà da ogni attacco?

15 giugno

Atti 7:1-19

Stefano afferma che la presenza di Dio fra il suo popolo non è limitata a un determinato luogo, né il suo aiuto a uno solo strumento. Lo Spirito agì per, e tramite, Abramo (vv. 2-8) e Giuseppe (vv. 9-16).

Questo racconto mette in risalto l’incontrastata sovranità di Dio nel (trova i versetti):
- eleggere Abraamo
- mantenere la sua promessa riguardo il paese
- preconoscere gli avvenimenti della storia
- giudicare con giustizia- liberare Giuseppe
- mutare il male in bene

16 giugno

Atti 7:20-44

Il discorso di Stefano continua con la storia di Mosè. Alla luce delle accuse (vedi 6:13,14; 7:1) Stefano descrive Mosè come un ______ rinnegato (v. 35)
che compì _____ (v. 36)
e che il Messia sarebbe stato come _____ (v. 37)
ricevendo delle _____ (v. 38).
Come i padri del popolo respinsero Mosè (v. 39) così i capi religiosi avevano fatto con Gesù.

17 giugno

Atti 7:45 - 8:3

Per rispondere all’accusa del 6:13,14 Stefano dà uno sguardo rapido al tabernacolo e al tempio, e conclude affermando che cosa (v. 7:48)? La sua è un’accusa gravissima (vv. 51-53). Come conseguenza, viene lapidato.
In che cosa era simile al Signore (7:55,59,60). Questa somiglianza deriva da che cosa (vedi 2 Corinzi 3:18)?

18 giugno

Atti 8:4-25

La persecuzione favorisce l’espansione del Vangelo in che modo (v. 4)? La stessa cosa succede oggi?
Le folle davano ascolto a Filippo e a Simone per ragioni simili (vv. 6,7,10,11), ma i risultati erano diversi (v. 12).
Da che cosa si capisce che Simone credeva con l’intelletto e non col cuore? È possibile desiderare i doni dello Spirito per motivi sbagliati?
Il peccato di Simone (v. 20) era che credeva di poter acquistare con denaro il dono di Dio. Ho mai pensato o commesso questo peccato?

19 giugno

Atti 8:26-40

Cosa posso imparare dalla prontezza di Filippo? In che modo l’Etiopo era preparato (vv. 27,28) per ricevere il messaggio di Cristo?
Filippo spiegò il vangelo partendo dalle Scritture (vv. 35-39). Sono in grado di usare versetti biblici per dimostrare la verità sul peccato, sulla condanna, sul perdono e sulla salvezza?

20 giugno

Atti 9:1-19

Quali prove della gloria e potenza di Cristo sono chiare nei vv. 3-6,8? Quali segni vedo anche della sua grazia e del suo amore?
Quale compito fu affidato ad Anania? Che cosa voleva mostrare il Signore a Saulo (v. 16)? Come immagino lo stato d’animo di Saulo prima che Anania arrivasse?
Quale sentimento vedo nelle parole di Anania nel v. 17?

21 giugno

Atti 9:20-31

In quale particolare vedo la sincerità di Saulo (v. 20)? L’atteggiamento dei discepoli nell’accogliere ed aiutare un ex-persecutore dei credenti (vv. 25-30) mi insegna che cosa?
Quali cinque cose sono menzionate nel v. 31 riguardo alla chiesa?

22 giugno

Atti 9:32-42

A che scopo è stato sanato Enea (vv. 33-35)? La vita e il servizio di Tabita hanno qualcosa da dirmi sui problemi sociali attuali? Come posso imitare l’esempio di Tabita?

23 giugno

Atti 9:43 - 10:23

Che tipo di uomo era Cornelio?
Dio operò anche nella vita di Pietro, preparandolo per la sua missione. In che modo (10:10-15)? La visione simboleggiava l’entrata dei non giudei nel piano di Dio per la chiesa (cfr. v. 15 con Colossesi 3:11).

24 giugno

Atti 10:24-48

Quale sbaglio commette Cornelio quando incontra Pietro? Qual è la prova nei vv. 34-36 che Pietro ormai capisce appieno la visione di due giorni prima? Dio esaudisce a volte anche le preghiere di persone non ancora convertite (v. 31)? Perché in questa occasione (v. 45) lo Spirito Santo si manifesta di nuovo come nel capitolo 2?

25 giugno

Atti 11:1-18

La diffidenza dei credenti ebrei (vv. 2,3) è comprensibile? Mi è difficile accettare come opera di Dio qualcosa che non ho mai visto prima?
Pietro avrebbe potuto rifiutare di rispondere all’interrogatorio, ma non l’ha fatto. Posso imparare da lui in questo?
Come posso applicare il v. 17 a me stesso?

26 giugno

Atti 11:19-30

Fino a questo punto, il vangelo è annunziato solo ai Giudei e a nessun altro (v. 19). Chi erano quelli che hanno cominciato a parlarne anche ai Greci (v. 20)? Con quale risultato l’hanno fatto?
Quale può essere stato il motivo del mandato di Barnaba (vv. 21,22)?
C’è una catena: persecuzione e dispersione (v. 19), testimonianza e frutto (vv. 20,21), incoraggiamento di altri (vv. 22-25), insegnamento, crescita (v. 26) e comunione (vv. 27-30). Nuova chiesa, nuovo nome: cristiani.

27 giugno

Atti 12:1-11

Un primo Apostolo diventa martire. Chi è?
Come ha potuto Pietro dormire in prigione (v. 5, Salmo 4:8)? Per la seconda volta egli è liberato miracolosamente. L’aiuto dell’angelo continua per tutta la via pericolosa (v. 10). Quanti singoli miracoli pratici fanno parte di questa liberazione (luce, catene ecc.)?

28 giugno

Atti 12:12-25

Lo stupore dei fratelli radunati in preghiera (v. 16) non fu per incredulità, ma piuttosto, come fu anche per Roda (v. 13), per la gioia sconfinata nel vedere Pietro così presto.
La punizione di Erode dimostra quant’è potente la mano di Dio (anche oggi!).

29 giugno

Atti 13:1-12

Chi scelse Barnaba e Saulo per la missione (v. 2)? In quali circostanze? Chi li manda? Quali due elementi erano ritenuti essenziali (vv. 2,3)?
Il proconsole (vv. 6-12) cercava la verità, ma gli stava accanto un messaggero falso, che contraddiceva le parole del messaggero vero. Si verificano situazioni analoghe anche oggi? La cecità improvvisa di Bar-Gesù (“figlio di YHWH salva”) sottolineava graficamente il suo stato spirituale come “figlio del diavolo” (v. 10).

30 giugno

Atti 13:13-25

Oltre ai giudei, quale altro gruppo si trovava nella sinagoga (v. 16) quando Paolo vi parlò dietro invito dei capi?
Paolo traccia rapidamente la storia d’Israele fino al dì di Giovanni Battista. Quali dettagli mettono in rilievo il piano e il potere di Dio?