log in

La Voce del Vangelo

La VOCE ottobre 2017

Gente presuntuosa fa venire i nervi. È curioso come un arrogante risulti antipatico a tutti tranne che a se stesso. In banca, al bar, al mercato, in TV ci vuole poco per capire se uno si crede migliore degli altri. Ma Dio resiste agli orgogliosi; resiste a chiunque sia persuaso di essere giusto e disprezzi gli altri. Gesù l’ha illustrato in modo eloquente nella sua parabola del fariseo e del pubblicano, in Luca 18:9-14.

  • Disse ancora questa parabola per certuni che erano persuasi di essere giusti e disprezzavano gli altri: «Due uomini salirono al tempio per pregare; uno era fariseo e l’altro pubblicano. Il fariseo, stando in piedi, pregava così dentro di sé: “O Dio, ti ringrazio che io non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri; neppure come questo pubblicano. Io digiuno due volte la settimana, pago la decima su tutto quello che possiedo”.
    Ma il pubblicano se ne stava a distanza e non osava neppure alzare gli occhi al cielo; ma si batteva il petto, dicendo: “O Dio, abbi pietà di me, peccatore!”
    Io vi dico che questo tornò a casa sua giustificato, piuttosto che quello; perché chiunque s’innalza sarà abbassato, ma chi si abbassa sarà innalzato.

Potrei metterci la mano sul fuoco che, se sei come me, tra i due, pensi di assomigliare al pubblicano. Anzi, me lo auguro. Ma è ora di riconoscere e stanare il fariseo che si nasconde in noi!

Io sono come te

È nella natura umana paragonarsi agli altri. Impariamo a farlo sin da piccoli. Chi è il più bravo? Chi la più bella? Chi ha più successo? Chi ha più amici? Logicamente io! E se così non fosse, per sentirci migliori, con sorprendente disinvoltura tiriamo in ballo tutti i difetti immaginabili dell’altro. Non necessariamente arriviamo a farlo a parole; il più delle volte ci basta averlo pensato.

Sarebbe riduttivo dire che il problema tocchi solo i nostri rapporti con gli altri. In realtà, riguarda principalmente la relazione che abbiamo con Dio.

Nella sua parabola, Gesù sta mettendo in evidenza non le differenze tra i due personaggi, ma il diverso rapporto che i due hanno con l’Iddio santo dell’universo.

Siamo tutti d’accordo che per poter avere un rapporto con Dio bisogna essere come il pubblicano: bisogna riconoscere il nostro peccato e chiedere che Dio, nella sua grazia, ci perdoni e ci offra la perfetta giustificazione in Cristo. Lo dice la Bibbia e ci crediamo. Ma dobbiamo domandarci se questa convinzione si veda anche nella nostra vita quotidiana.

Giorno per giorno le nostre reazioni, gli sguardi e i commenti rivelano quello che effettivamente pensiamo di noi stessi e degli altri. E, di conseguenza, mostrano la vera natura del nostro rapporto con Dio.

Ovviamente il problema è più grave di quanto ci rendiamo conto!

Basti pensare ai commenti che si fanno sugli altri in famiglia, su Facebook o addirittura in chiesa. Non eccedono certo in grazia. Perfino sui blog e nei libri oggi il tono è negativo rasentando a volte la cattiveria.

A Dio non sfuggono questi atteggiamenti sprezzanti e sa bene quello che si annida nei nostri cuori. Gli altri potrebbero anche non accorgersi dei nostri sentimenti, qualcuno potrebbe perfino incoraggiarci nei nostri modi di fare altezzosi, ma Dio ne è profondamente disturbato.

Sai perché? Perché sentendoci superiori, non disprezziamo solo i nostri simili, stiamo anche disprezzando l’opera di Dio nella nostra vita!

Se abbiamo creduto alla verità, se siamo diventati dei figli di Dio, non è per merito nostro. Paolo lo afferma chiaramente: “Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti” (Efesini 2:7,8).

Non si è credenti per opere né meriti di alcun tipo. La salvezza è un dono. Non eravamo mica propensi o disposti a credere più di altri!

Infatti Paolo, sotto l’ispirazione di Dio, scrive: “Dio ha vivificato anche voi, voi che eravate morti nelle vostre colpe e nei vostri peccati, ai quali un tempo vi abbandonaste seguendo l’andazzo di questo mondo, seguendo il principe della potenza dell’aria, di quello spirito che opera oggi negli uomini ribelli. Nel numero dei quali anche noi tutti vivevamo un tempo, secondo i desideri della nostra carne, ubbidendo alle voglie della carne e dei nostri pensieri; ed eravamo per natura figli d’ira, come gli altri” (Efesini 2:1-3).

Eravamo proprio come tutti gli altri; avevamo gli stessi desideri, seguivamo la stessa guida (Satana) e vivevamo anche noi per soddisfare i nostri desideri. Eravamo ribelli, incapaci di desiderare e di fare il bene.

Troppo spesso il nostro pio disdegno per i peccati e il cattivo comportamento degli altri cela la triste realtà che non abbiamo capito che essere nati in Italia, nella nostra famiglia o in un Paese dove c’è libertà religiosa, non è mica merito nostro. Essere stati esposti alla Parola di Dio che ci ha condotti alla fede in Cristo, è opera esclusiva di Dio, senza nostro merito.

È un fatto che dovrebbe spingerci a rivedere il modo in cui parliamo della nostra fede agli altri. Il nostro proclamare le verità divine deve scaturire dalla piena consapevolezza della grazia immeritata che ci è stata data.

Ma magari il nostro peccato fosse solo questo!

Purtroppo c’è un altro aspetto nefasto del nostro orgoglio, che però tendiamo a minimizzare. Anzi, per alcuni è proprio un motivo di vanto. È la critica.

Tra credenti in generale, tra le chiese locali e tra le denominazioni evangeliche siamo sempre pronti a criticare.

Adesso mi dirai: “La verità va creduta e difesa e coloro che si sviano dalla verità e abbracciano l’errore vanno smascherati!” Assolutamente!

Ma aspetta… La verità va certamente studiata, accettata e difesa, quindi non è questo il problema.

Il problema è l’atteggiamento con cui lo si fa. Perché proprio come non è merito mio se sono diventato un credente, non è merito mio neppure quello che ho capito della Parola di Dio!

Paolo scriveva ai corinzi: “Ora, fratelli, ho applicato queste cose a me stesso e ad Apollo a causa di voi, perché per nostro mezzo impariate a praticare il non oltre quel che è scritto e non vi gonfiate d’orgoglio esaltando l’uno a danno dell’altro. Infatti, chi ti distingue dagli altri? E che cosa possiedi che tu non abbia ricevuto? E se l’hai ricevuto, perché ti vanti come se tu non l’avessi ricevuto?” (1 Corinzi 4:6,7).

La chiesa di Corinto, divisa in fazioni, con alcuni che si stimavano più spirituali degli altri, aveva bisogno di sentirlo dire chiaro e tondo. E noi oggi dovremmo dirlo a noi stessi proprio così: Chi ti credi di essere? Quello che hai, quello che sai e quello che hai capito non è mica merito tuo!

Ogni volta che ci atteggiamo come se avessimo dei meriti, stiamo di fatto offuscando l’opera di Dio; forse non ce ne rendiamo conto, ma stiamo usurpando il suo posto. Quando cerchiamo di promuovere il nostro valore personale tra i credenti abbiamo dimenticato che è stato Dio, non noi, a cominciare una buona opera in noi e che è Lui che la porterà a compimento (Filippesi 1:6). L’avviamento di questa buona opera, il suo progresso nel tempo e il suo compimento è, dall’inizio alla fine, opera esclusiva di Dio senza merito nostro.

Tra le chiese, si pecca nel modo in cui vengono espresse le critiche una nei riguardi dell’altra, quando si mira a mettere in risalto la propria superiorità piuttosto che l’opera di Dio. E nascono le contese.

Ma non fraintendermi: non sto dicendo che le differenze dottrinali non abbiano importanza. No, dobbiamo tutti ricercare, difendere e proclamare la sana dottrina. Sto dicendo che dobbiamo fare attenzione a non essere farisei nel farlo. Non dobbiamo arrogarci dei meriti che non sono nostri.

Giacomo ci ricorda qualcosa di importante sulla sapienza: “La saggezza che viene dall’alto anzitutto è pura; poi pacifica, mite, conciliante, piena di misericordia e di buoni frutti, imparziale, senza ipocrisia. Il frutto della giustizia si semina nella pace per coloro che si adoperano per la pace” (Giacomo 3:17,18).

Mi sembra che il modo in cui vengono espresse le critiche – o le differenze – non rispecchi l’atteggiamento che Dio richiede: la convinzione che è solo per merito suo se abbiamo capito e creduto alla verità.

Il disprezzo, la mancanza di perdono, la critica, il troncare i rapporti, l’odio (il non amare è una forma di odio!) e qualunque altro atteggiamento che ci fa sentire superiori agli altri sono le caratteristiche del fariseo nella parabola di Gesù.

Voglio essere come il pubblicano e riconoscere di aver peccato ed essere consapevole della grazia di Dio immeritata. La posta in gioco è il mio rapporto con Dio stesso!

Che sia evidente, quando proclameremo e difenderemo la verità, che non abbiamo merito alcuno. E che possiamo essere sempre pronti a tornare alla Parola di Dio per capirla meglio, per non trovarci a difendere con l’orgoglio le nostre tradizioni o posizioni denominazionali.

Che si dia umilmente ogni merito a Dio per quello che abbiamo capito.

  • L’argomento di questo numero ti è piaciuto?
    Vuoi avere gratuitamente altre copie da distribuire?
    Telefona allo 06-700.25.59

 

La VOCE settembre 2017

La gente ha un modo avventato di scherzare su cose di cui non ha la più pallida idea di come siano, cose che dovrebbero essere trattate con massima serietà. Prendi per esempio le barzellette su uno che si presenta alle porte del paradiso e trova San Pietro ad attenderlo… Ammetto che alcune di queste mi hanno fatto ridere, ma il destino eterno delle persone non è affatto qualcosa su cui scherzare: è una questione di vita o di morte.

Forse anche tu, parlando della tua fede a qualcuno, gli avrai domandato cosa risponderebbe a Dio se gli chiedesse per quale motivo dovrebbe farlo entrare in paradiso. È un’ottima domanda che, se affrontata con la serietà che gli è dovuta, apre la possibilità di presentare il vangelo in modo chiaro.

Come credenti, sarà Dio stesso a darci il benvenuto quando ci presenteremo davanti a Lui, ma pensando a quel momento, non ho mai trovato nessuno che vorrebbe sentirsi dire: “Ce l’hai fatta per un pelo, mio carnale servitore! Entra nella gioia del tuo Signore per il rotto della cuffia…”
Oppure: “Sei qui, mio zoppicante servo?! Beh, entra per miracolo nella gioia del tuo Signore.”

Vorremmo, invece, sentirlo dire: “Va bene, servo buono e fedele, sei stato fedele in poca cosa, ti costituirò sopra molte cose; entra nella gioia del tuo Signore” (Matteo 25:23). Solo che per essere accolti in cielo in questo modo, bisogna prima essere servi buoni e fedeli.
Sai quali sono le caratteristiche di chi sarà il benvenuto alla gioia del suo Signore?

Sarai il benvenuto?

“Non chiunque mi dice: «Signore, Signore!» entrerà nel regno dei cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. Molti mi diranno in quel giorno: «Signore, Signore, non abbiamo noi profetizzato in nome tuo e in nome tuo cacciato demòni e fatto in nome tuo molte opere potenti?» Allora dichiarerò loro: «Io non vi ho mai conosciuti; allontanatevi da me, malfattori!»” (Gesù in Matteo 7:21-23).

Parole durissime, sorprendenti e perfino agghiaccianti.

Mi auguro che non dovrai mai udire con le tue orecchie il rigetto di Dio perché avevi pensato che la tua fosse una vita religiosa che Lui approvi, senza esserti mai reso conto che quel dio in cui avevi creduto era fittizio, frutto delle idee umane, creato a tua immagine e piacimento, e che non ha nulla a che vedere con il Creatore che si è rivelato nella Sacra Bibbia.

Oggi sembra che abbiamo accettato come normale che la maggior parte dei credenti sia carnale, immatura e che non sappia nemmeno cosa vuol dire essere consacrati al Signore.

Nei nostri incontri, spesso quando qualcuno apre la Bibbia per vedere cosa richiede Dio ai suoi, cominciamo subito a tirar fuori mille motivi per cui non ci è possibile raggiungere quel tipo di standard (santo!) che Dio esige: Siamo umani, siamo deboli, siamo imperfetti… E così ci troviamo sempre a giustificare il nostro comportamento e i nostri compromessi.

Nelle chiese ormai, le mosche bianche sono quei rari credenti che servono Dio fedelmente. Li osserviamo e, dentro di noi, li invidiamo per il modo in cui vivono la fede. Vorremmo essere come loro, ma ci sembra poco realistico.

Poco realistico!? Tu glielo diresti a Gesù che le sue richieste nei tuoi confronti, cioè lo standard di santità e di perfezione che Egli esige dai suoi seguaci, è irragionevolmente alto? Che è impossibile vivere così?

Stava forse esagerando quando ha detto che per seguirlo bisogna perdere la propria vita? E quando ha affermato che bisogna abbandonare tutto per essere suoi discepoli, l’ha fatto solo tanto per dire? Allora, quando la Bibbia definisce i credenti come degli schiavi di Cristo, sono solo espressioni pittoresche e suggestive, da non prendere alla lettera?

Forse è duro parlare così, anzi sicuramente lo è. Ma mi preoccupa che molti, troppi cristiani non stanno vivendo i benefici della vita del credente previsti da Dio. Potrebbe essere che questo sia collegato al concetto che uno ha dello standard di Dio?

riposo, pace e soddisfazione

“Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo” (Matteo 11:28).
“Vi lascio pace; vi do la mia pace. Io non vi do come il mondo dà. Il vostro cuore non sia turbato e non si sgomenti” (Giovanni 14:27).

Stai vivendo il riposo che Gesù ha promesso?

La gente, osservandoti, direbbe che la tua quotidianità è satura di una pace non comune?

Sei una persona soddisfatta? È viva in te quella soddisfazione che Gesù ha promesso ai suoi? Egli ha detto che “chi beve dell’acqua che io gli darò, non avrà mai più sete; anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una fonte d’acqua che scaturisce in vita eterna” (Giovanni 4:14).

Queste sono solo tre delle numerose promesse che Dio ha fatto ai suoi figli nelle Sacre Scritture. Proprio queste ci aiutano a valutare come sta andando la nostra vita.

Se la pace, il riposo o la soddisfazione sono assenti dalla nostra vita di credente, è un sintomo di qualcosa che non va. Ma la domanda fondamentale che ci dobbiamo porre è se siamo veramente figli di Dio. Se lo siamo, perché mai accontentarci di una vita cristiana sub-standard e perdere tutti i benefici previsti da Dio, mentre scansiamo le nostre responsabilità come credenti?

ESSERE O NON ESSERE

Nella sua prima lettera, l’apostolo Giovanni presenta almeno tre caratteristiche dei veri figli di Dio. Le presenta proprio perché possiamo valutare se siamo salvati o no.

Eccole: i figli di Dio amano la sua Parola, amano la purezza, e amano i credenti.

I servitori buoni e fedeli hanno queste tre caratteristiche e, anche se imperfetti persino nel desiderarle, le desiderano sempre di più nella loro vita.

Amare la Parola

Amare la Parola di Dio non vuol dire “provare un sentimento” particolare verso quello che Dio ha detto. Piuttosto la Bibbia descrive l’amore del credente per le Scritture come una vera dipendenza da esse, una necessità assoluta.

A un neonato affamato non importa se gli dai il ciuccio, se lo culli o se cerchi di farlo giocare: niente lo può distrarre da quel suo bisogno impellente di mangiare.

Pietro scrive: “Come bambini appena nati, desiderate il puro latte spirituale, perché con esso cresciate per la salvezza, se davvero avete gustato che il Signore è buono” (1 Pietro 2:2,3).

Hai gustato che il Signore è buono? Se sei credente, desidererai la Parola di Dio perché è l’unico modo per crescere spiritualmente, per diventare cioè dei buoni e fedeli servitori.

I figli di Core cantavano: “Come la cerva desidera i corsi d’acqua, così l’anima mia anela a te, o Dio. L’anima mia è assetata di Dio, del Dio vivente; quando verrò e comparirò in presenza di Dio?” Non si facevano distrarre dalle cose della vita, anzi, la vita stessa era diventata il motivo per cui loro non potevano fare a meno della Parola di Dio (Salmo 42:1,2)!

E come non ricordare le parole di Davide nel Salmo 19: “La legge del Signore è perfetta, essa ristora l’anima; la testimonianza del Signore è veritiera, rende saggio il semplice. I precetti del Signore sono giusti, rallegrano il cuore; il comandamento del Signore è limpido, illumina gli occhi. Il timore del Signore è puro, sussiste per sempre; i giudizi del Signore sono verità, tutti quanti sono giusti, sono più desiderabili dell’oro, anzi, più di molto oro finissimo; sono più dolci del miele, anzi, di quello che stilla dai favi. Anche il tuo servo è da essi ammaestrato; v’è gran ricompensa a osservarli” (vv. 7-11)!

Un figlio di Dio ama conoscere la Parola di Dio e desidera metterla in pratica; la legge, la medita, la studia e vuole essere istruito da essa.

Amare la purezza

Conoscere Dio e la sua Parola spingerà il servo buono e fedele a riconoscere sempre di più la propria peccaminosità e a bramare la purezza. Lo standard per il servo fedele è alto!

Pietro ce lo ricorda: “Perciò, dopo aver predisposto la vostra mente all’azione, state sobri, e abbiate piena speranza nella grazia che vi sarà recata al momento della rivelazione di Gesù Cristo. Come figli ubbidienti, non conformatevi alle passioni del tempo passato, quando eravate nell’ignoranza; ma come colui che vi ha chiamati è santo, anche voi siate santi in tutta la vostra condotta, poiché sta scritto: «Siate santi, perché io sono santo» (1 Pietro 1:13-16).

Il vero figlio di Dio non si illude di essere perfetto. Anzi, crescendo nella fede comprende sempre meglio la santità di Dio e perciò prova tristezza e disgusto per il proprio peccato. Lo confessa e abbandona e protende sempre di più verso lo standard di Dio. Non si rassegna a essere carnale; al contrario ne è profondamente disturbato.

Amare i fratelli

Ogni buono e fedele servitore di Dio partecipa attivamente alla vita della comunità di credenti, dove Dio l’ha messo, per il suo progresso spirituale. Non è possibile vivere una sana vita cristiana e rifiutare al tempo stesso il ruolo della chiesa locale. Sento già le proteste: le chiese sono a pezzi… i credenti sono un pasticcio… sono stato troppo ferito… non ci sono chiese sane…

Un credente che non frequenta una chiesa, si sta privando di quei benefici vitali che Dio ha stabilito che siano a nostra disposizione in modo esclusivo proprio nella chiesa locale. Nella chiesa locale si cresce nella santificazione, s’impara ad amare e perdonare i fratelli e servire gli uni gli altri, si è consolati e incoraggiati, ammoniti e corretti.

Nella chiesa locale il tuo progresso spirituale è sotto gli occhi di tutti.

Infatti la chiesa è talmente importante agli occhi di Dio, che il rapporto che si ha con i propri fratelli in fede può addirittura rivelare se si è credenti o meno! Giovanni dice perentorio: “Chi dice di essere nella luce e odia suo fratello, è ancora nelle tenebre” (1 Giovanni 2:9). Odiare può sembrare una parola pesante, ma non amare tuo fratello è odiarlo agli occhi di Dio.

Forse non c’è una chiesa sana sotto casa tua, ma la distanza non è un motivo valido per non frequentarla. Lo sforzo extra che devi fare è per il tuo bene! Senza la comunione con altri credenti, sei più vulnerabile e ti esponi a molti attacchi del nemico. Anche il tuo modo di pensare diventa facile preda di astute ideologie antibibliche. Quando si è soli e isolati, è solo questione di tempo che comincerai a cedere sotto la pressione costante del mondo. 

Essere testimoni

La chiesa locale è anche il luogo dove i servitori fedeli si mescolano, interagiscono e collaborano per il profondo desiderio e obiettivo che li unisce: quello di vedere il progresso del vangelo nella vita gli uni degli altri.

Un servo buono e fedele testimonierà di Cristo. Celebrare Dio davanti agli uomini sarà naturale quando ami la Parola di Dio, ami la purezza e ami i fratelli. Ma attenzione! Stiamo parlando di servi fedeli. Troppo spesso si vuole forzare servi malvagi e fannulloni (Matteo 25:26) a essere testimoni della fede (o a rappresentare gli evangelici in generale) senza rendersi conto che l’infedeltà non è nel non testimoniare, ma nello stile di vita macchiata da compromessi.

Non accontentarti di restare immaturo nella tua fede. L’immaturità duratura e la carnalità sono un grande campanello di allarme: forse non si è affatto dei servi! È tempo di rivalutare ogni scelta che facciamo e prepararci per il giudizio di Dio che arriverà inesorabile: “Infatti è giunto il tempo in cui il giudizio deve cominciare dalla casa di Dio; e se comincia prima da noi, quale sarà la fine di quelli che non ubbidiscono al vangelo di Dio? E se il giusto è salvato a stento, dove finiranno l’empio e il peccatore?” (1 Pietro 4:17,18)!

Nel frattempo, non essere servi fedeli ci fa perdere incredibili benedizioni.

  • L’argomento di questo numero ti è piaciuto?
    Vuoi avere gratuitamente altre copie da distribuire?
    Telefona allo 06-700.25.59

 

La VOCE luglio 2015

Ti sei preparato?

Dalla cucina arriva la voce della mamma mentre i figli stanno per uscire per andare a scuola: “Hai fatto tutti i compiti? Hai preparato lo zaino? Hai preso la ricerca? Sei pronto per il compito in classe? E la merenda?...”

TI SEI PREPARATO?
Lo sguardo della moglie si fa serio: “Dobbiamo essere sicuri che tutto è pronto per le vacanze. Le bollette sono state pagate? C’è chi da l’acqua alle piante? Nelle valigie c’è tutto? Hai preso i passaporti? Le prenotazioni sono a posto? La macchina è a posto?...”

TI SEI PREPARATA?
Il telefono squilla. “Il matrimonio è la settimana prossima”, dice la voce dall’altra parte. “Hai comprato il vestito e le scarpe? Cosa hai regalato agli sposi? Sapete come andarci?...”

TI SEI PREPARATO?
È una frase che si ripete più volte alla settimana in una famiglia. Spesso tocca alla moglie, alla mamma, doversi preoccupare per tempo ed essere sicura che tutto sia in ordine.
Ma c’è un tipo di preparazione specifica per tutta la famiglia, la cui guida spetta al marito, al padre. Sai qual’è?


La preparazione è maschia

Il nostro privilegio come credenti – e la nostra responsabilità! – è di frequentare gli incontri della chiesa, ma lo sapevi che, secondo la Bibbia, bisogna prepararsi in modo appropriato?
Oggi sembra che ritagliare un tempo per andare al culto richieda un grande sforzo. Troppo spesso ci si accontenta di arrivarci trafelati, magari durante i primi canti, cercando di far meno rumore possibile per non distrarre gli altri. Arrivare in orario sarebbe già un grande successo, figuriamoci arrivarci preparati! Ma la Bibbia insegna che prepararsi per andare in chiesa fa parte dell’adorare Dio nel modo in cui gli è gradito.

PREPARATI PER ASCOLTARE LA PAROLA DI DIO

“Mettete in pratica la parola e non ascoltatela soltanto, illudendo voi stessi. Perché, se uno è ascoltatore della parola e non esecutore, è simile a un uomo che guarda la sua faccia naturale in uno specchio; e quando si è guardato se ne va, e subito dimentica com’era. Ma chi guarda attentamente nella legge perfetta, cioè nella legge della libertà, e in essa persevera, non sarà un ascoltatore smemorato ma uno che la mette in pratica; egli sarà felice nel suo operare” (Giacomo 1:22-25).
Il punto centrale degli incontri della chiesa locale è l’insegnamento della Parola di Dio. Solo attraverso la lettura, spiegazione e applicazione della Bibbia il credente può conoscere il pensiero di Dio.
Dio si aspetta che arriviamo in chiesa con l’atteggiamento giusto: il cuore pronto ad ascoltare, non solo delle informazioni, ma verità eterne che, se messe in pratica, produrranno cambiamenti nella nostra vita.
Mentre si ascolta la spiegazione delle Scritture, è bene farsi delle domande specifiche: In questo testo biblico è descritta qualche caratteristica di Dio? C’è qualche promessa che dovrei ricordare? C’è qualche insegnamento che devo mettere in pratica? Quale comportamento devo cambiare? O un peccato che devo confessare?
La preparazione comincia già il sabato! Arrivare stanchi e mezzo addormentati perché abbiamo fatto tardi la sera prima, non rende più facile l’ascolto della Parola di Dio, anzi. Mariti e padri, la cura spirituale della vostra famiglia è una vostra responsabilità. Come state aiutando i vostri cari ad arrivare preparati e pronti per ascoltare?

PREPARATI PER SERVIRE

“Facciamo attenzione gli uni agli altri per incitarci all’amore e alle buone opere, non abbandonando la nostra comune adunanza come alcuni sono soliti fare, ma esortandoci a vicenda; tanto più che vedete avvicinarsi il giorno” (Ebrei 10:24,25).
Questi versetti sono spesso citati per “obbligare” le persone a frequentare le riunioni, ma una lettura più attenta rivela che non è lo scopo finale di questo passo. In chiesa ci andiamo, non per fare presenza, ma per svolgere il ruolo che Dio ha affidato a ognuno. E non tanto per ricevere, quanto per dare. Qualunque sia il livello di conoscenza e di maturità, ogni credente dovrà arrivare alla riunione preparato e consapevole di esercitare un’influenza attiva nella vita degli altri credenti. Prima ancora di uscire di casa, prepariamoci a servire chiedendo al Signore di guidarci verso coloro che hanno bisogno di una parola di incoraggiamento o di esortazione nella loro vita spirituale.
Ma attenzione: È impossibile arrivare all’ultimo momento, o fuggire appena finisce la riunione, e sperare di essere
usati nella vita dei fratelli!
Mariti e padri, in che modo state preparando ogni membro della vostra famiglia per servire?

PREPARATI A DONARE FINANZIARIAMENTE

“Quanto poi alla colletta per i santi, come ho ordinato alle chiese di Galazia, così fate anche voi. Ogni primo giorno della settimana ciascuno di voi, a casa, metta da parte quello che potrà secondo la prosperità concessagli, affinché, quando verrò, non ci siano più collette da fare” (1 Corinzi 16:1,2).
Sembra che nelle chiese, per paura di essere fraintesi, non si parli molto del dare. Ma la Bibbia ne parla e afferma che per il credente il dare è sia una responsabilità, sia un privilegio.
Le nostre chiese sono piccole e spesso hanno difficoltà ad affrontare le spese. L’idea di sostenere finanziariamente anche i servitori del Signore diventa quasi impensabile.
Il Nuovo Testamento ha molto da dire su come e perché dare. Le istruzioni di Paolo ai Corinzi riguardo alla colletta mettono in chiaro che donare finanziariamente deve essere il risultato di una riflessione attenta, regolare, basata su quello che Dio provvede. È compito di ogni famiglia ragionare e decidere come usare le risorse di cui dispone.
In 2 Corinzi 9:7 Paolo scrive che bisogna dare gioiosamente. Donare è un modo concreto per adorare Dio. Scaturisce da una consapevolezza della cura di Dio e della conseguente gratitudine. Dev’essere fatto volontariamente, ma in segreto, senza mettersi in mostra.
È chiaro che bisogna affrontare le spese della sala, ma è altrettanto chiaro dalle Scritture che bisogna donare in modo da poter aiutare anche coloro che hanno bisogno, specialmente i credenti, e per sostenere chi insegna la Parola di Dio nella comunità (Matteo 6:1-4; Matteo 6:19,21; 1 Timoteo 5:17,18; 1 Giovanni 3:17; Galati 6:9,10).
Il principio biblico è che dovremmo lavorare per affrontare le nostre spese e poi per aiutare gli altri. “Chi rubava non rubi più, ma si affatichi piuttosto a lavorare onestamente con le proprie mani, affinché abbia qualcosa da dare a colui che è nel bisogno” (Efesini 4:28).
Mariti e padri, non è possibile seguire questi principi biblici se non ci si assume la responsabilità di guidare la famiglia a gestire i soldi in questo modo.

TI SEI PREPARATO?

Come credenti non possiamo pensare di andare in chiesa senza esserci preparati per tempo, perché adorare Dio comincia prima di varcare la soglia della sala della chiesa locale!


Missione sostenibile?

“Non abbiamo forse il diritto di mangiare e di bere? Non abbiamo il diritto di condurre con noi una moglie, sorella in fede, come fanno anche gli altri apostoli e i fratelli del Signore e Cefa? O siamo soltanto io e Barnaba a non avere il diritto di non lavorare? Chi mai fa il soldato a proprie spese? Chi pianta una vigna e non ne mangia il frutto? O chi pascola un gregge e non si ciba del latte del gregge? … Se altri hanno questo diritto su di voi, non lo abbiamo noi molto di più? Ma non abbiamo fatto uso di questo diritto; anzi sopportiamo ogni cosa, per non creare alcun ostacolo al vangelo di Cristo. Non sapete che quelli che fanno il servizio sacro mangiano ciò che è offerto nel tempio? E che coloro che attendono all’altare, hanno parte all’altare? Similmente, il Signore ha ordinato che coloro che annunciano il vangelo vivano del vangelo”
—1 Corinzi 9:4-7,12-14

L’Apostolo Paolo aveva il sacrosanto diritto di essere sostenuto finanziariamente dalla chiesa di Corinzi. È stata una sua scelta di non avvalersene. Ma come mai sostenere chi predica sembra adesso una missione impossibile?
Molti di quelli che svolgono un ruolo di insegnante biblico nelle nostre chiese hanno, grazie a Dio, un lavoro secolare e non hanno bisogno di aiuto finanziario. Ma potrebbe essere questo uno dei motivi per cui spesso si tende a sottovalutare l’importanza della predicazione e dell’insegnamento nei nostri incontri? Se contribuissimo con i nostri soldi, saremmo più attenti a ciò che viene predicato?
Paolo, nella sua prima lettera, ricordava a Timoteo che le guide avevano il diritto di non solo essere sostenute, ma sostenute il doppio dai credenti a cui insegnavano la Parola di Dio (1 Timoteo 5:17).
L’insegnamento biblico nella chiesa è cruciale per la crescita dei credenti e per la protezione contro le false dottrine. È un compito serio che va svolto con grande cura. Ed è fondamentale che l’insegnante abbia la possibilità e il tempo necessario per prepararsi adeguatamente.
La tua comunità si prende cura finanziariamente di coloro che insegnano? Fate in modo che abbiano anche il tempo necessario per essere fedeli servitori che tagliano rettamente la Parola di Dio (2 Timoteo 2:15)? Un insegnamento superficiale, fatto di aneddoti e opinioni personali, non ha nessuna efficacia e utilità nella chiesa di Dio. La spiegazione pubblica delle Scritture deve essere il frutto di uno studio approfondito e serio che richiede tempo.
Se gli insegnati di una chiesa non hanno bisogno del sostegno economico e riescono a svolgere bene il loro compito, la chiesa ha il dovere di valutare se si conoscono altri servitori del Signore che si trovino nel bisogno. Paolo, nella sua lettera ai Filippesi (4:10-20), ricorda che sostenere i servi del Signore è una benedizione per coloro che lo fanno. Infatti questo servizio porta gloria a Dio e frutti spirituali.
La nostra preghiera deve essere che l’insegnamento e la predicazione nelle nostre chiese siano tenuti in alta considerazione, che coloro che insegnano siano rispettati e che lo possano fare nel miglior modo possibile.

 

Se la situazione è critica...

La chiesa è la famiglia di Dio. Una relazione molto bella, che parla di intimità, di calore e di fiducia reciproca. Ma, come ogni cosa, ha il rovescio della sua medaglia.

Sottoscrivi questo feed RSS